prova

La Rete nazionale per la Prossimità

La Biennale della Prossimità è promossa dalla Rete Nazionale per la Prossimità, un network di organizzazioni che condividono l’obiettivo di combinare interventi di prossimità con la promozione di una riflessione pubblica su questi temi. Queste organizzazioni operano con modalità diverse, condividendo però alcuni elementi fondamentali:

  • il fatto che il bisogno non debba essere inquadrato e costretto nelle categorie delle burocrazie;
  • la scelta di far coincidere la risposta al bisogno con la promozione di cittadinanza attiva e del protagonismo delle persone e dei territori;
  • la volontà di associare il concreto agire quotidiano con il rilancio delle proposte culturali e politiche.

 

Chi ha promosso la Rete nazionale per la Prossimità

La Rete nazionale per la Prossimità è nata grazie alla scommessa condivisa dal gruppo dei promotori che nel giugno del 2013, hanno firmato un protocollo di intesa  in cui si impegnano a collaborare per potenziare la propria azione e per promuovere insieme al cultura della prossimità.

Le organizzazioni firmatarie sono: Consorzio Nazionale Idee In Rete,  Associazione Isnet Fondazione Ebbene, Social Club Torino, Social Club Genova, e Consorzio Emmanuel Lecce

 

E oggi come si è ampliata la Rete Nazionale della Prossimità?

A seguito della prima edizione della Biennale della Prossimità  realizzata a giugno 2016 a Genova, la rete delle organizzazioni che hanno condiviso l’intuizione  originaria dei promotori e condiviso la scommessa , si è ampliata . Un successo, per un prodotto collettivo come la Biennale, che si ispira a logiche di condivisione e partecipazione, e dunque di prossimità.  Ad oggi il gruppo dei promotori e neopromotori è così costituito:

 

Associazione Nazionale Banche del Tempo

Nasce nel 2007 da un gruppo di donne decise a sviluppare una rete per scambiare esperienze e proporre una visione della società basata sulla reciprocità, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale. Oggi sono più di 500 in tutta Italia con migliaia di soci/correntisti

www.associazionnazionalebdt.it

 

Case del quartiere di Torino

La Rete delle Case del quartiere di Torino è un coordinamento tra 9 strutture che coprono il territorio cittadino. Le case del Quartiere sono spazi comuni di qualità, sono attori sociali che agiscono per facilitare, stimolare e attivare esperienze di cittadinanza attiva.

http://www.casedelquartieretorino.org/

 

Cooperativa Comes

Co.M.E.S., Cooperativa Marradese per l’Esercizio dei Servizi Sociali, è una cooperativa nata nel 1982 ispirandosi ai valori cristiani della carità e della solidarietà. Oggi conta 68 soci e 65 dipendenti e opera per i soggetti più fragili tra cui i tossicodipendenti, i portatori di handicap, gli anziani e i minori.

http://www.comes.marradi.it/comes

 

Consorzio Emmanuel

Nasce nel 1997 per dare maggior impulso ad alcune cooperative promosse dalla Comunità Emmanuel; oggi raggruppa 16 Cooperative Sociali, un’ Associazione Onlus ed è socio fondatore di “Reti Meridiane” ed è attivo in numerose iniziative finalizzate al recupero e all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati

http://www.emporiosolidalelecce.it/http://www.emmanuel.it/

 

Confederazione Nazionale delle Misericordie

Le Misericordie sono nate nel 1244 a Firenze e oggi sono presenti con 700 sedi su tutto il territorio nazionale. Animano il Movimento circa 670 mila volontari. Molteplici i campi in cui operano, dai trasporti sanitari alla protezione civile, ai servizi sociali e di assistenza ad attività legate al Welfare di comunità.

http://www.misericordie.it/

 

Consorzio Abele Lavoro

Il Consorzio Sociale Abele Lavoro promuove progetti di Politica Attiva del Lavoro rivolti ai “più fragili” creando impiego attraverso le cooperative sociali aderenti e le imprese profit e non profit con cui collabora stabilmente. http://www.csabelelavoro.it/

 

Consorzio Nazionale Idee in Rete

Il Consorzio Nazionale Idee in Rete associa consorzi di cooperative sociali che operano in tutta Italia. Conta oggi 20 soci in 15 regioni italiane, cui fanno riferimento circa 450 cooperative sociali, per i quali mette a sistema opportunità e capacità in particolare su ambiti di attività con contenuti innovativi.

www.ideeinrete.coop

 

Disuguaglianze di salute

È un portale web gestito dal Servizio di Epidemiologia e dal Centro di Documentazione – DoRS della Regione Piemonte su mandato di un progetto interregionale dell’IINMP.  Si occupa di valorizzare e disseminare i risultati del Libro Bianco “Equità nella salute in Italia.

http://www.disuguaglianzedisalute.it/

 

Fare Comunità

Consorzio provinciale non profit nato nel 2010 dalla collaborazione tra il sistema della cooperazione sociale ravennate ed enti della formazione professionale. Si occupa di favorire i processi di inclusione sociale e lavorativa delle persone con difficoltà d’integrazione nella comunità.

http://www.farecomunita.com/

 

Fondazione Ebbene

La Fondazione Èbbene si occupa principalmente di interventi di prossimità rivolti a soggetti fragili mediante attività di assistenza sanitaria e socio-sanitaria, interventi di inclusione sociale e lavorativa dei soggetti più deboli del mercato del lavoro e altri interventi di assistenza ad ampio raggio.

www.ebbene.it

 

Associazione Isnet

L’Associazione Isnet dialoga con una rete di oltre 1000 imprese sociali in tutta Italia, con l’obiettivo di favorire la loro crescita e visibilità. Tra le attività vi è il sistema Spesa Utile che favorisce l’attività delle cooperative sociali di inserimento lavorativo in veste di distributori di prodotti alimentari e non.

http://www.impresasociale.net/http://www.spesautile.it/

 

Opengroup

Nasce nel 2014 dalla fusione di tre storiche cooperative del territorio bolognese, e conta oggi 480 lavoratori e  350 soci. Si occupa di disabilità, dipendenze, inserimenti lavorativi di persone svantaggiate, emergenze abitative, educativa di strada, sostegno scolastico e integrazione.

http://www.opengroup.eu/

 

Social Club Genova

Il Social Club Genova è un’associazione che ha lo scopo di migliorare la qualità della vita dei loro lavoratori accrescendone il potere d’acquisto, favorendo l’accesso all’abitazione, diffondendo il microcredito, realizzando i gruppi d’acquisto e promuovendo attività per il tempo libero.

http://www.ge-socialclub.it/