Il 6 aprile 2018 si è tenuto il primo incontro a Taranto per dare avvio alla costruzione della rete locale in vista della Biennale del 2019

Lo staff di direzione della Biennale ha incontrato le Istituzioni e successivamente una cinquantina di realtà locali del terzo settore. L’incontro è stato molto partecipato e le aspettative alte! Due i punti principali su cui ci si è confrontati con le organizzazioni locali: cosa intendiamo per prossimità e che cos’è la Biennale. 

 

Prossimità? Biennale?

Due i punti principali su cui ci si è confrontati con le organizzazioni locali: cosa intendiamo per prossimità e che cos’è la Biennale.

 

La prossimità si costruisce creando compatibilità e relazioni in cui ciascuna componente valorizza le altre, le esperienze migliori vedono alleati istituzioni, società civile, terzo settore, tessuto locale

La Biennale della Prossimità come sempre è un sistema aperto, non escludente, dove ognuno porta ciò che può e dove il format verrà deciso strada facendo, nel dialogo costruttivo e generativo tra i promotori nazionali ed il gruppo locale.

Come per le scorse edizioni, Genova 2015 e Bologna 2017, la Biennale si sostiene per la volontà delle organizzazioni e dei singoli che credono nel progetto, ci mettono la faccia e l’impegno!

Sono ancora aperte le iscrizioni per diventare promotori nazionali: per qualunque richiesta d’informazioni e per manifestare il proprio interesse ad essere Promotore nazionale 2019 scrivere a: biennaleprossimita@gmail.com

 

Adoriamo la leggerezza pur consapevoli che l’impegno può essere anche tanto, il successo sarà la consapevolezza per tutti di avere fatto e collaborato a qualcosa di bello e di importante.

Gianfranco