Terza edizione della Biennale della Prossimità - Taranto 16 - 19 maggio 2019. Mancano solo...

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

Le iscrizioni alla Biennale della Prossimità sono aperte fino al 15 maggio 2019. Possono iscriversi gli enti, assicurando in tal caso la possibilità di accesso ai propri associati, volontari o operatori. Se non fai parte di nessun ente iscritto, puoi iscriverti alla Biennale come persona fisica.

Il programma si sta componendo, grazie alle idee degli iscritti entro il 31/3. Sono già disponibili i principali elementi del programma, ma stiamo ancora costruendo la parte artistica, le iniziative di animazione, gli eventi sportivi e altro. Rimani aggiornato su questa pagina.

Le Aree tematiche di scambio sono il cuore della Biennale: gli iscritti interessati ad un determinato ambito possono rielaborare stimoli, conoscere esperienze, scambiare idee, definire relazioni. Guarda i temi e indica a quali aree di scambio vorrai prendere parte (obbligatorio per accedervi)

La Biennale della Prossimità di Taranto è pensata e costruita per dare ad ognuno la possibilità di un tempo a misura d’uomo, di vivere la città vecchia, di scambiare esperienze di prossimità in un clima di leggerezza.

Georges

Co-direttore della Biennale della prossimità

TUTTI alla sua terza edizione: 45 scrittori per un libro collettivo, una pluralità di scritti che raccontano i mille volti della prossimità

Caterina

Co-direttore della Biennale della prossimità

Enti iscritti

Promotori nazionali

Grandi temi di prossimità

Ore di confronto e scambio su temi specifici

Ore di esibizioni artistiche

Artisti coinvolti

Voglio dire, voglio fare e voglio esserci! La biennale a Taranto è non correre, è prendersi un tempo per sé, è darsi l’obiettivo di incontrare persone che fino ad oggi non conosci, è raccontare quello che fai. Goditi la città vecchia e la sua gente

Gianfranco

Co-direttore della Biennale della prossimità

La Biennale della Prossimità è un esperienza collettiva che si fonda sull’irrefrenabile voglia di conoscere altro, altri

Daniele

Co-direttore della Biennale della prossimità

CON IL SOSTEGNO DI: